Lavoratori dello spettacolo: info e requisiti sulla nuova “indennità di discontinuità”

È entrata in vigore dal 1° gennaio 2024 la nuova indennità di discontinuità prevista dal D.lgs. 175/2023, a favore dei lavoratori dello spettacolo che, in virtù della specificità del settore, lavorano con carattere intermittente e discontinuo.

I destinatari sono i lavoratori del settore spettacolo inquadrati come:

  • lavoratori autonomi, compresi quelli con rapporti di collaborazione coordinata e continuativa;
  • lavoratori subordinati a tempo determinato di cui all’articolo 2, comma 1, lettera a) del Dlgs 182/1997 e di cui alla lettera b), individuati con decreto del Ministro del lavoro 25 luglio 2023, recante “Individuazione dei lavoratori discontinui del settore dello spettacolo”;
  • lavoratori intermittenti a tempo indeterminato, del settore dello spettacolo, che non siano titolari dell’indennità di disponibilità.

Al momento della presentazione della domanda, è necessario avere i seguenti requisiti:

  • essere cittadino di uno Stato membro dell’Unione europea ovvero cittadino straniero regolarmente soggiornante in Italia;
  • essere residente in Italia da almeno un anno;
  • essere in possesso di un reddito ai fini Irpef, determinato in sede di dichiarazione dei redditi per l’anno d’imposta precedente a quello di presentazione della domanda, non superiore a 25.000,00 euro;
  • aver maturato, nell’anno precedente quello di presentazione della domanda, almeno 60 giornate di contribuzione al Fondo pensione lavoratori dello spettacolo (FPLS);
  • non essere stato titolare, neanche per un breve arco temporale, di rapporto di lavoro subordinato a tempo indeterminato nell’anno precedente a quello di presentazione della domanda (ad esclusione dei rapporti di lavoro intermittente a tempo indeterminato senza indennità di disponibilità).
  • non essere titolare di pensione diretta o percettore di assegno ordinario di invalidità.

L’indennità di discontinuità sarà riconosciuta per un numero di giornate pari ad 1/3 di quelle accreditate al FPLS nell’anno precedente la presentazione della domanda, detratte quelle coperte da altra contribuzione obbligatoria o indennizzate ad altro titolo, nel limite di 312 giornate annue. L’indennità sarà corrisposta in un’unica soluzione nella misura del 60% della media delle retribuzioni imponibili dell’anno precedente quello di presentazione della domanda.

La domanda dovrà essere presentata esclusivamente in modalità telematica all’Inps entro il 30 marzo di ogni anno a pena di decadenza. L’istituto procederà poi, entro il 30 settembre successivo alla valutazione delle domande.

Contattaci per supporto e assistenza nella domanda:
06.70492451 - 345.0511636 - info@snalv.it
 





 

RECENTI

recent post News

SALUTE E SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO. SCARICA LA GUIDA IN PDF

"La prevenzione non può essere disgiunta dalla conoscenza." Dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali arriva un breve un manuale informativo sulla salute e la sicurezza nei luoghi di lavoro con l’obiettivo di creare una cultura della sicurezza duratura e diffusa.

recent post News

NASPI, DICHIARAZIONI DI REDDITO PRESUNTO 2024

Inps ricorda ai beneficiari di NASpI che durante l'anno 2023 hanno presentato una dichiarazione relativa al reddito annuo presunto indicando un reddito diverso da “zero”, devono comunicare, entro il termine del 31 gennaio 2024, anche il reddito presunto per l'anno 2024.

recent post News

Sereni Orizzonti, Snalv Confsal: “Milioni di euro sottratti ai dipendenti toscani”.

Dal quotidiano La Nazione : Sereni Orizzonti, Snalv Confsal: "Milioni di euro sottratti ai dipendenti toscani". Leggi l'articolo al link: https://bit.ly/41oSd3j

Comunicati Stampa