Lavoratori fragili, le tutele ad oggi in vigore. Il disordine legislativo non aiuta a fare chiarezza.

Quello dei lavoratori fragili è un esempio lampante di quanto il “disordine legislativo” produca, spesso, danni concreti nella vita pratica delle persone.

Il famoso “diritto allo smartworking” – più volte prorogato dall’inizio della pandemia, con formulazioni diverse e variegate – è diventato un vero e proprio ginepraio, in cui emergono ingiustificabili distinzioni tra i lavoratori, oltre a modalità procedurali che cozzano di logica e senso compiuto.

Ciò premesso, cerchiamo in sintesi di fare il punto sulle tutele oggi in vigore. 

Il cd. “Decreto Lavoro” (DL n. 48/2023, convertito dalla Legge n. 85/2023) ha prorogato due differenti tipologie di accesso al lavoro agile:

         1. LAVORO AGILE PER I DIPENDENTI “FRAGILI” DEL SETTORE PUBBLICO E PRIVATO (art. 28bis del Decreto)

Questa norma prevede il diritto assoluto per i lavoratori di accedere allo smartworking, fino al 30 settembre 2023, anche qualora la propria mansione sia incompatibile con la modalità di lavoro agile.

Il diritto è riservato ai lavoratori che: 

  • siano dipendenti sia del settore pubblico sia di aziende private;
  • rientrano nella famosa lista interministeriale (D.M. 4 febbraio 2022), la cui certificazione è redatta dal medico di medicina generale.

 

         2. LAVORO AGILE PER I DIPENDENTI “FRAGILI” DEL SETTORE PRIVATO (art. 42 del Decreto)

Questa norma, invece, prevede il diritto per i lavoratori di accedere allo smartworking, fino al 31 dicembre 2023, soltanto qualora la propria mansione sia compatibile con la modalità di lavoro agile.

Il Diritto è riservato ai lavoratori che:

  • siano dipendenti di aziende private (no lavoratori pubblici);
  • siano dichiarati dal medico competente soggetti “a rischio”, «in ragione dell’età o della condizione derivante da immunodepressione, da esisti di patologie oncologiche o dallo svolgimento di terapie salvavita o, comunque, da comorbilità che possono caratterizzare una situazione di maggiore rischiosità».

In definitiva, emergono con chiarezza differenze su alcuni aspetti che non sono giustificati da alcuna evidenza scientifica: da un lato, si riserva il “diritto assoluto” allo smartworking soltanto ai dipendenti fragili che rientrano nella deprecabile lista interministeriale (la cui certificazione spetta al medico di base); dall’altro lato, invece, ai lavoratori considerati “a rischio” dal medico competente viene concesso un diritto al lavoro agile “relativo”, ossia condizionato dalla compatibilità della mansione svolta con tale modalità di lavoro.  Tale diritto, inoltre, non vale per i dipendenti pubblici.

Non si capisce, inoltre, perché una norma è limitata al 30 settembre, mentre l’altra sarà in vigore fino al 31 dicembre.

Ordunque, anche in questa Legislatura, si registra un’ignobile approssimazione e poca sensibilità verso i lavoratori fragili. 

Lo Snalv Confsal resta fermamente convinto della necessità di una riforma organica, che risolva alla radice le problematiche legate alle assenze effettuate dai lavoratori con patologie gravi, croniche o invalidanti. Tale posizione è stata espressa più alle Istituzioni competenti e ribadita, da ultimo, nella nota trasmessa pochi giorni fa al Ministro del Lavoro, Calderone, ed al Ministro per le Disabilità, Locatelli (LEGGI QUI).

Nel frattempo, restiamo sempre a disposizione di tutti i lavoratori per aiutarli a districarsi nel labirinto di norme “no sense” che ci troviamo a fronteggiare.

fragili@snalv.it – 345.0511636


 

RECENTI

recent post News

Bonus mamme: pubblicata la circolare INPS con le modalità operative

La legge di bilancio 2024 ha previsto il “Bonus Mamme”: l’esonero della contribuzione previdenziale (9,19% della retribuzione), fino a un massimo di 3.000 euro annui da riparametrare su base mensile, per le lavoratrici che hanno almeno tre figli.

recent post News

Confsal, incontro a Palazzo Chigi sulla salute e sicurezza sul lavoro

“Centinaia di migliaia di segnalazioni ogni anno di malattie professionali e di infortuni sul lavoro gravi di cui più di mille mortali, oltre che fenomeni diffusi di lavoro nero e irregolare, scarsa formazione dei lavoratori, denotano che siamo di fronte a un’emergenza nazionale del lavoro che va affrontata con un piano straordinario di emergenza sociale” è quanto ha dichiarato a seguito dell’ incontro di ieri a Palazzo Chigi tra Governo e Sindacati, il segretario generale della Confsal Angelo Raffaele Margiotta, nell’occasione accompagnato da Alberto Cuzzucrea, segretario generale di ATISL-CONFSAL, l'associazione sindacale degli ispettori tecnici del lavoro.

recent post News

SVIMEZ, i divari tra Nord e Sud nel diritto alla Salute

Pubblicato il report che mette in guardia dai rischi dell’autonomia differenziata

Comunicati Stampa