MAMONE, CONFSAL: IL SUD SIA AL CENTRO DELL’AZIONE DEL NUOVO GOVERNO

Roma, 18 settembre 2022 - «Aumentare la coesione sociale e contrastare le disuguaglianze è un obbligo morale a cui il prossimo Governo non può sottrarsi, a prescindere dal suo colore politico» è quanto afferma in una nota il Capo-Dipartimento SUD della Confsal, Maria Mamone. 

Sin dalla "nascita" del PNRR la Confsal - prima Confederazione italiana dei Sindacati autonomi - si è battuta per sollecitare il potenziamento della capacità progettuale delle Amministrazioni locali: i soldi ci sono ma nei Comuni, soprattutto quelli più bisognosi di interventi, mancano le figure professionali necessarie per portare a terra gli investimenti.

È necessario ripristinare i servizi essenziali come trasporti, sanità e istruzione - da tempo negati agli abitanti di tante zone disagiate - e trasformare il Meridione nella porta d’ingresso del Mediterraneo, come più volte suggerito da Svimez: «facciamo nostro l’appello del Presidente Giannola, il nostro Mezzogiorno è l’approdo naturale dei nuovi mercati in via di sviluppo». Dichiara, in conclusione, la dott.ssa Mamone: «l’ #Italia si muova in anticipo per svolgere convintamente un ruolo da protagonista».
 

RECENTI

recent post News

La Confsal farà parte dell’Osservatorio nazionale disabilità

Designati tre membri del comparto “Lavoratori Fragili” dello SNALV

recent post News

SAVE THE DATE: IL 20 FEBBRAIO SI TERRA’ A ROMA IL PRIMO EVENTO NAZIONALE SUL SOCIO-SANITARIO

Presente una rappresentanza di oltre 300 lavoratori iscritti al Sindacato per redigere insieme una proposta organica da presentare alle istituzioni

recent post News

PROBLEMI RSA: “I GIORNALISTI FACCIANO CORRETTA INFORMAZIONE”. IL SINDACATO SNALV CONFSAL INTERVIENE AL CONVEGNO ORGANIZZATO DA INCE, IN COLLABORAZIONE CON L’ORDINE DEI GIORNALISTI E UNIVERSITA’ LUMSA

Roma, 25 gennaio 2024 - “I giornalisti dovrebbero indagare sulle cause delle complesse problematiche delle residenze socioassistenziali per anziani, come la carenza di personale e la disparità di trattamento di operatori e infermieri, rispetto ai colleghi del pubblico impiego, invece spesso preferiscono dare spazio a strumentalizzazioni faziose, senza nemmeno approfondire le fonti”. “Anche la cattiva informazione mediatica penalizza i lavoratori del comparto e le vicende sul Contratto Anaste ne sono un emblematico esempio”.

Comunicati Stampa