La Confsal farà parte dell’Osservatorio nazionale disabilità


Roma, 7 febbraio 2024 – Sono appena partiti i lavori dell’Osservatorio nazionale sulla condizione delle persone con disabilità. L’ organismo, istituito dalla legge 18 del 2009 presso la Presidenza del Consiglio dei Ministri, ha funzioni consultive e di supporto tecnico-scientifico per l' elaborazione delle politiche nazionali in materia di disabilità.

La Confsal farà parte dei 5 gruppi di lavoro interni all’Osservatorio. Di questi, 3 gruppi saranno seguiti da rappresentanti del comparto “Lavoratori Fragili” dello Snalv Confsal: dott. Pasquale Pellegrino (gruppo “Inclusione lavorativa”), avv. Anna Della Mura (gruppo “Salute e benessere”), dott.ssa Eliana Torrisi (gruppo “Progetto individuale di vita”).

«Abbiamo finalmente l’opportunità di portare in un importante consesso istituzionale le problematiche vissute da lavoratori con gravi patologie – dichiara il coordinatore nazionale del comparto, Pasquale Pellegrino – la gestione delle assenze, il comporto differenziato, i permessi per visite, il diritto al lavoro agile: sono tante le questioni irrisolte su cui proveremo a fornire il nostro più ampio e fattivo contributo».

Il comparto lavoratori fragili rimane a disposizione di tutti i lavoratori - iscritti e non - per istanze, suggerimenti, confronti di ogni sorta.

Mail: fragili@snalv.it - Tel./Whatsapp : 345.0511636

RECENTI

recent post News

La Confsal farà parte dell’Osservatorio nazionale disabilità

Designati tre membri del comparto “Lavoratori Fragili” dello SNALV

recent post News

SAVE THE DATE: IL 20 FEBBRAIO SI TERRA’ A ROMA IL PRIMO EVENTO NAZIONALE SUL SOCIO-SANITARIO

Presente una rappresentanza di oltre 300 lavoratori iscritti al Sindacato per redigere insieme una proposta organica da presentare alle istituzioni

recent post News

PROBLEMI RSA: “I GIORNALISTI FACCIANO CORRETTA INFORMAZIONE”. IL SINDACATO SNALV CONFSAL INTERVIENE AL CONVEGNO ORGANIZZATO DA INCE, IN COLLABORAZIONE CON L’ORDINE DEI GIORNALISTI E UNIVERSITA’ LUMSA

Roma, 25 gennaio 2024 - “I giornalisti dovrebbero indagare sulle cause delle complesse problematiche delle residenze socioassistenziali per anziani, come la carenza di personale e la disparità di trattamento di operatori e infermieri, rispetto ai colleghi del pubblico impiego, invece spesso preferiscono dare spazio a strumentalizzazioni faziose, senza nemmeno approfondire le fonti”. “Anche la cattiva informazione mediatica penalizza i lavoratori del comparto e le vicende sul Contratto Anaste ne sono un emblematico esempio”.

Comunicati Stampa