La Confsal farà parte dell’Osservatorio nazionale disabilità


Roma, 7 febbraio 2024 – Sono appena partiti i lavori dell’Osservatorio nazionale sulla condizione delle persone con disabilità. L’ organismo, istituito dalla legge 18 del 2009 presso la Presidenza del Consiglio dei Ministri, ha funzioni consultive e di supporto tecnico-scientifico per l' elaborazione delle politiche nazionali in materia di disabilità.

La Confsal farà parte dei 5 gruppi di lavoro interni all’Osservatorio. Di questi, 3 gruppi saranno seguiti da rappresentanti del comparto “Lavoratori Fragili” dello Snalv Confsal: dott. Pasquale Pellegrino (gruppo “Inclusione lavorativa”), avv. Anna Della Mura (gruppo “Salute e benessere”), dott.ssa Eliana Torrisi (gruppo “Progetto individuale di vita”).

«Abbiamo finalmente l’opportunità di portare in un importante consesso istituzionale le problematiche vissute da lavoratori con gravi patologie – dichiara il coordinatore nazionale del comparto, Pasquale Pellegrino – la gestione delle assenze, il comporto differenziato, i permessi per visite, il diritto al lavoro agile: sono tante le questioni irrisolte su cui proveremo a fornire il nostro più ampio e fattivo contributo».

Il comparto lavoratori fragili rimane a disposizione di tutti i lavoratori - iscritti e non - per istanze, suggerimenti, confronti di ogni sorta.

Mail: fragili@snalv.it - Tel./Whatsapp : 345.0511636

RECENTI

recent post News

Massa, riunione organizzativa dello Snalv Confsal per il settore socio-sanitario-assistenziale-educativo

Si è tenuta martedi 31 ottobre una riunione organizzativa del Sindacato presso la città di Aulla, sede della R.S.A. Sanatrix dove lo Snalv ha di recente ottenuto un'importante pronuncia del Giudice del Lavoro

recent post News

CANALE WHATSAPP SNALV CONFSAL

Segui il canale Snalv Confsal su WhatsApp: https://whatsapp.com/channel/0029VaDEsmf11ulKarHzNt1W

recent post News

TORINO: CENTRO PERMANENZA E RIMPATRIO CHIUSO DA 7 MESI E LAVORATORI LICENZIATI IN SEGUITO A UN INCENDIO. L’INTERVENTO DELLO SNALV CONFSAL.

Torino, 24 ottobre 2023. Nonostante le dichiarazioni del Governo, tradotte in un recente decreto legge, sull’immediata apertura di nuovi Centri di Permanenza per il Rimpatrio (i cosiddetti Cpr) - ritenuti essenziali per fronteggiare l’ondata di sbarchi che ha superato quota 140mila arrivi da gennaio - la struttura di Torino rimane chiusa da oltre sette mesi, in seguito a un incendio divampato e i lavoratori sono stati licenziati. A denunciare la situazione è il sindacato autonomo Confsal e la sua federazione di categoria Snalv Confsal che parla di licenziamento dei dipendenti, dovuto all’impossibilità di richiedere altri ammortizzatori sociali, allo scadere del periodo di Cassa Integrazione applicata.

Comunicati Stampa