PROBLEMI RSA: “I GIORNALISTI FACCIANO CORRETTA INFORMAZIONE”. IL SINDACATO SNALV CONFSAL INTERVIENE AL CONVEGNO ORGANIZZATO DA INCE, IN COLLABORAZIONE CON L’ORDINE DEI GIORNALISTI E UNIVERSITA’ LUMSA

Roma, 25 gennaio 2024 -  “I giornalisti dovrebbero indagare sulle cause delle complesse problematiche delle residenze socioassistenziali per anziani, come la carenza di personale e la disparità di trattamento di operatori e infermieri, rispetto ai colleghi del pubblico impiego, invece spesso preferiscono dare spazio a strumentalizzazioni faziose, senza nemmeno approfondire le fonti”. “Anche la cattiva informazione mediatica penalizza i lavoratori del comparto e le vicende sul Contratto Anaste ne sono un emblematico esempio”. Si è espressa così Maria Mamone, Segretario Generale Snalv Confsal, durante il convegno sul tema "Residenza sanitaria assistenziale, la corretta comunicazione per tutelare le persone fragili” organizzato giovedì 25 gennaiopresso l'Università LUMSA di Roma, dalla società editoriale INCE - Il Nuovo Corriere Editoriale - Srl e da ANASTE, l’associazione datoriale delle RSA che raccoglie duecento strutture, certificate e accreditate. Un’iniziativa che ha coinvolto l’Ordine dei giornalisti di Roma e Lazio, per quanto riguarda i crediti formativi legati all’aggiornamento professionale  e l’Università LUMSA, che all’interno dei suoi insegnamenti ha alcuni master dedicati alla comunicazione e che ha visto la partecipazione di varie personalità del panorama accademico, giornalistico ed economico, come rappresentanti dei Ministeri del lavoro e della Salute, l’Assessorato alle Politiche sociali del Comune di Roma e la professoressa Elsa Fornero.

“Si parla e si scrive di Rsa, Residenze Sanitarie Assistenziali, senza sapere in realtà che cosa siano e a cosa servano. Si discute di anziani, come soggetti non autosufficienti, con estrema superficialità, condizionati da stereotipi e luoghi comuni. Mentre si tratta di una realtà umana, sanitaria, sociale di grandi numeri che va compresa, analizzata, fuori dalla retorica e dagli equivoci” era scritto nella nota di presentazione dell’evento. “Sulla popolazione anziana non autosufficiente si scaricano interessi e appetiti di gruppi privati (alcuni di dimensioni nazionali e sovranazionali), tensioni economiche e contrattuali di ogni tipo (vedi i contratti pirata, le strutture abusive, i contrasti all’interno dell’universo sindacale). L’opinione pubblica non capisce e i media non  sono di grande aiuto, anzi. E va a finire che una cattiva comunicazione uccide più dell’abbandono e delle malattie”. 

Temi e nodi che saranno affrontati, nel dettaglio, dal sindacato autonomo Snalv Confsal, il 20 febbraio a Roma, in una giornata di incontri - con alti rappresentanti dei Ministeri della Salute e Lavoro, Comune di Roma, Regione Lazio e associazioni di categoria - che cercherà di capire come “valorizzare al meglio il settore socio-assistenziale e il personale che ci lavora”, anche alla luce della recente normativa, in via di definizione che riguarda il comparto. Snalv Confsal, federazione sindacale rappresentativa del comparto socio-sanitario-assistenziale-educativo, accenderà cosi le luci dei riflettori sulle problematiche dei lavoratori del settore. 

“La politica, miope e frammentata degli ultimi anni, sta producendo il collasso del sistema, che tuttavia ancora oggi è sostenuto dall’incredibile abnegazione di operatori socio sanitari, infermieri, educatori professionali, terapisti e di tutte le professionalità operanti all’interno delle strutture accreditate” dichiara il sindacato. “Ci sono problemi di fondo che mai nessuno ha voluto affrontare e che impediscono, anche alla contrattazione collettiva, di valorizzare adeguatamente le professionalità del comparto”.

Lo Snalv Confsal, pertanto, intende promuovere una seria e concreta discussione con istituzioni e datori di lavoro per consentire il miglioramento delle condizioni lavorative dei dipendenti delle RSA, puntando su una corretta comunicazione del problema.

L’evento si svolgerà dalle 9.30 alle 17.30, presso il Centro Congressi di Piazza di Spagna, per maggiori informazioni e accrediti: www.snalv.it/evento20febbraio


 

RECENTI

recent post News

Massa, riunione organizzativa dello Snalv Confsal per il settore socio-sanitario-assistenziale-educativo

Si è tenuta martedi 31 ottobre una riunione organizzativa del Sindacato presso la città di Aulla, sede della R.S.A. Sanatrix dove lo Snalv ha di recente ottenuto un'importante pronuncia del Giudice del Lavoro

recent post News

CANALE WHATSAPP SNALV CONFSAL

Segui il canale Snalv Confsal su WhatsApp: https://whatsapp.com/channel/0029VaDEsmf11ulKarHzNt1W

recent post News

TORINO: CENTRO PERMANENZA E RIMPATRIO CHIUSO DA 7 MESI E LAVORATORI LICENZIATI IN SEGUITO A UN INCENDIO. L’INTERVENTO DELLO SNALV CONFSAL.

Torino, 24 ottobre 2023. Nonostante le dichiarazioni del Governo, tradotte in un recente decreto legge, sull’immediata apertura di nuovi Centri di Permanenza per il Rimpatrio (i cosiddetti Cpr) - ritenuti essenziali per fronteggiare l’ondata di sbarchi che ha superato quota 140mila arrivi da gennaio - la struttura di Torino rimane chiusa da oltre sette mesi, in seguito a un incendio divampato e i lavoratori sono stati licenziati. A denunciare la situazione è il sindacato autonomo Confsal e la sua federazione di categoria Snalv Confsal che parla di licenziamento dei dipendenti, dovuto all’impossibilità di richiedere altri ammortizzatori sociali, allo scadere del periodo di Cassa Integrazione applicata.

Comunicati Stampa