SERENI ORIZZONTI TOSCANA: SNALV CONFSAL DENUNCIA ALLA REGIONE L’APPLICAZIONE DI UN CONTRATTO INESISTENTE E PENALIZZANTE E LA VIOLAZIONE DELLA DELIBERA REGIONALE 995/2016

Roma, 13 luglio 2023 - Il sindacato autonomo Snalv Confsal e la Confederazione Confsal non mollano la presa sulla vicenda Sereni Orizzonti e intendono fare piena chiarezza su ogni aspetto. Dopo aver organizzato, per l’intero mese di luglio, campagne informative presso le undici strutture sanitarie toscane del gruppo (che ne possiede 90 in tutta Italia) le sigle sindacali hanno denunciato, per iscritto, nei giorni scorsi, alla Regione Toscana l’applicazione, da parte dell’azienda, di un contratto inesistente, la negazione degli arretrati dei dipendenti e la violazione della delibera regionale 995/2016, che obbliga le strutture socio-assistenziali per anziani accreditate al rispetto dei contratti collettivi nazionali del lavoro (CCNL) di riferimento.

Nella nota, firmata dal Segretario nazionale SNALV Confsal, Maria Mamone e dal Segretario regionale Snalv Confsal Toscana, Peppino Ruberto, il sindacato autonomo segnala alla Regione che Sereni Orizzonti utilizza per i propri stipendiati, in tutte le strutture della Toscana, un contratto giuridicamente inesistente, i cui livelli retributivi prevedono paghe mensili ferme al 2009 e nettamente inferiori a quelle previste dagli altri Contratti Collettivi vigenti del settore. Nello specifico, il gruppo si serve, ancora oggi, del CCNL “Anaste 2005-2009” (sottoscritto tra Anaste e Cgil, Cisl e Uil): un contratto Collettivo disdetto e sostituito, senza soluzione di continuità dal CCNL “Anaste 2017” (sottoscritto tra Anaste e Confsal) e dal CCNL “Anaste 2023” (rinnovato tra Anaste e Confsal), che hanno previsto incrementi retributivi e contributivi a decorrere dal 1 gennaio 2017 e dal 1 gennaio 2023, oltre a un’assistenza sanitaria integrativa (di cui i dipendenti di Sereni Orizzonti non hanno mai potuto beneficiare).

 “Questa condotta datoriale - scrivono Mamone e Ruberto - oltre a configurare, probabilmente, gli estremi di una ‘concorrenza sleale’ rispetto a tutte le altre aziende che hanno legittimamente applicato il CCNL Anaste vigente (o altri CCNL del settore vigenti), ha procurato un significato danno retributivo e contributivo ai lavoratori che hanno percepito, in media, uno stipendio mensile di circa 50 euro in meno dal 1° gennaio 2017 e di circa 100 euro dal 1° gennaio 2023”.

In più, Sereni Orizzonti avrebbe violato la delibera regionale 995/2016 che, “ai sensi dell’articolo 2, comma 1, Allegato A, impegna ogni struttura socio-sanitaria per anziani accreditata dalla Regione ad assicurare al personale preposto il rispetto del CCNL di riferimento e degli accordi integrativi regionali, sottoscritti dalle parti datoriali e sindacali maggiormente rappresentative a livello nazionale”. 

“Ad aggravare ulteriormente la situazione - dichiarano Snalv Confsal e la Confederazione Confsal - va citata la recente ipotesi di accordo di armonizzazione contrattuale sottoscritta tra Sereni Orizzonti e le sigle sindacali FP Cgil Interprovinciale Toscana e CISL FP Toscana, in base alla quale l’azienda inizierà ad applicare un contratto collettivo valido (nel caso di specie: CCNL Uneba), soltanto a decorrere dal 1 gennaio 2024. 

Per sanare tutto il periodo pregresso ed evitare contenziosi con i dipendenti, sarà erogata la somma “onnicomprensiva” e “una tantum” di 150 euro, con la rinuncia, da parte dei lavoratori, a qualsiasi ulteriore pretesa. 

Snalv Confsal e Confsal invitano, pertanto, la Regione Toscana a un incontro per approfondire la vicenda, “affinché l’Ente possa mettere in atto tutti gli eventuali adempimenti di propria competenza”.

Le prossime tappe della mobilitazione del sindacato presso le cliniche toscane di Sereni Orizzonti toccheranno, fino al 24 luglio, le province di Firenze, Prato, Pistoia, Livorno e Lucca.

Per maggiori informazioni: https://snalv.it/sociosanitario


 

RECENTI

recent post News

RSA, COLISEE ITALIA INTERNALIZZA I DIPENDENTI. Lo Snalv Confsal avvia una serie di assemblee sindacali per confrontarsi coi lavoratori coinvolti.

Colisee Italia ha manifestato alle Organizzazioni Sindacali la propria volontà di internalizzare i dipendenti di varie RSA, attualmente impiegati in regime di appalto presso la Cooperativa Punto Service. Le strutture interessate sono ubicate in Piemonte ed in Lombardia. A tal proposito, lo Snalv Confsal ha costituito un coordinamento unitario tra le proprie sedi territoriali al fine di presentare un'unica piattaforma sindacale che riguardi tutte le strutture coinvolte.

recent post News

Fare un altro lavoro durante la cassa integrazione: lo Snalv chiede un interpello al Ministero

Roma, 14 settembre 2023 - Lo Snalv Confsal ha trasmesso un’istanza di interpello al Ministero del Lavoro, chiedendo un urgente chiarimento sulla compatibilità tra attività lavorativa ed integrazione salariale.

recent post News

Regione Piemonte, lo Snalv sollecita un incontro all’Assessore Marrone per le vicende del contratto Anaste.

Torino, 30 agosto 2023 – Continua la confusione sul contratto Anaste e sul settore socio-sanitario. Con un articolo pubblicato sull’edizione settimanale de “L’Espresso”, i sindacati confederali piemontesi giudicano “pirata” il contratto sottoscritto da Snalv e da Confsal, nonostante il CCNL sia migliorativo rispetto a quelli siglati da Cgil, Cisl e Uil.

Comunicati Stampa