Regione Puglia: il 22 aprile la seconda tappa di Missione Mediterraneo

Si terrà Sabato 22 aprile il secondo appuntamento di “Missione Mediterraneo”, l’iniziativa del Dipartimento SUD Confsal che farà tappa in tutte le Regioni del Mezzogiorno.

Dopo il grande successo del primo evento in Calabria, è adesso il turno della Regione Puglia. Il convegno si terrà nell’ambito della storica fiera di San Giorgio di Gravina in Puglia, giunta alla sua 729^esima edizione.

L’obiettivo del Dipartimento è analizzare ed approfondire i divari di cittadinanza che caratterizzano tante aree del Mezzogiorno, al fine di favorire una programmazione analitica ed efficace delle risorse comunitarie ancorata ai reali fabbisogni dei territori. 

Perché “Missione Mediterraneo”?

In un mondo in continuo cambiamento, le grandi Potenze globali guardano al Mediterraneo come luogo di grande opportunità. I maggiori Think Tank e Centri Studi stimano che il vecchio “Mare Nostrum” sia destinato a divenire il fulcro delle nuove catene logistiche e rotte commerciali. 

La strategia comunitaria ha, sinora, sofferto della mancanza di un filo conduttore comune degli Stati europei in materia di politica estera, con i Paesi membri che perseguono i propri interessi, ai danni o dei propri vicini (culturali e territoriali) o di potenze esterne all’Unione. Inoltre, la perenne instabilità che caratterizza i territori nord-africani ha certamente contribuito al caos odierno, con i Paesi occidentali che restano incapaci di governare fenomeni che influiscono profondamente sul proprio tessuto sociale e produttivo (si pensi, ad esempio, all’immigrazione incontrollata).

In tale scenario, l’Italia – che ha un ruolo “geograficamente“ primario – ha l’obbligo di divenire guida e regia dello sviluppo del Mediterraneo, attrezzando le zone strategiche del Meridione delle infrastrutture necessarie per renderle poli logistici ed energetici dell’intero continente europeo. 

Occorre programmare, con visione, una seria reindustrializzazione del Sud, attraverso una territorializzazione delle filiere, un utilizzo sostenibile delle energie rinnovabili e un intervento penetrante sul ripristino dei servizi essenziali. 

RECENTI

recent post News

Settore socio-sanitario, lo Snalv invia il Documento con le istanze dei lavoratori a tutte le Istituzioni competenti

recent post News

La Confsal farà parte dell’Osservatorio nazionale disabilità

Designati tre membri del comparto “Lavoratori Fragili” dello SNALV

recent post News

SAVE THE DATE: IL 20 FEBBRAIO SI TERRA’ A ROMA IL PRIMO EVENTO NAZIONALE SUL SOCIO-SANITARIO

Presente una rappresentanza di oltre 300 lavoratori iscritti al Sindacato per redigere insieme una proposta organica da presentare alle istituzioni

Comunicati Stampa