Pensionamento con “Quota 103”: requisiti, condizioni e domande.

La Legge di Bilancio 2023 ha introdotto una nuova forma di pensionamento anticipata, denominata cd. “Quota 103”.

L’INPS, con il messaggio n. 754, ha comunicato che è già possibile presentare istanza di accesso. 

REQUISITI

Il diritto alla pensione “Quota 103” si consegue al raggiungimento, entro il 31 dicembre 2023, di un'età anagrafica di almeno 62 anni e di un'anzianità contributiva di almeno 41 anni.

Possono accedervi i lavoratori dipendenti, pubblici e privati.

Sono esclusi il personale militare delle Forze armate, il personale delle Forze di polizia a ordinamento civile (ivi compreso il Corpo di polizia penitenziaria), il personale operativo del Corpo nazionale dei vigili del fuoco.

Il raggiungimento dei requisiti entro il termine previsto conferisce la possibilità di richiedere la prestazione anche negli anni successivi.  

CONDIZIONI

Riguardo ai criteri di calcolo, si prevede che il trattamento sia riconosciuto:

in una prima fase, nel rispetto di un limite massimo mensile di importo, pari al quintuplo del valore lordo mensile del trattamento minimo (cioè 2839,70 euro al mese);

a decorrere dal mese in cui si avrebbe diritto alla pensione di vecchiaia (e, dunque, compimento di 67 anni, salvo casi specifici), secondo gli ordinari criteri di calcolo.

Ad ogni modo, il trattamento erogato nella prima fase non è cumulabile con i redditi da lavoro dipendente o autonomo, ad eccezione parziale di quelli da lavoro autonomo occasionale (nel limite di 5.000 euro lordi annui).

INCENTIVO AL RINVIO DEL PENSIONAMENTO

La legge introduce anche un incentivo per i lavoratori dipendenti che, pur avendo maturato i requisiti pensionistici della predetta quota 103, rimangono in servizio: in tal caso, infatti, viene meno l'obbligo di versamento all'ente previdenziale dei contributi a carico del lavoratore e del datore di lavoro ed il medesimo importo viene quindi corrisposto interamente al lavoratore.

COME PRESENTARE DOMANDA

L’istanza per l’accesso al trattamento pensionistico deve essere presentata sul sito INPS, tramite SPID oppure rivolgendosi agli istituti di Patronato.

RECENTI

recent post News

Lavoratori dello spettacolo: info e requisiti sulla nuova “indennità di discontinuità”

È entrata in vigore dal 1° gennaio 2024 la nuova Indennità di discontinuità prevista dal D.lgs. 175/2023, a favore dei lavoratori dello spettacolo che, in virtù della specificità del settore, lavorano con carattere intermittente e discontinuo.

recent post News

LEGGE DI BILANCIO 2024: la guida SNALV Confsal per i lavoratori

La Legge di bilancio per l’anno finanziario 2024 (L. 213/2023) introduce alcune novità in ambito previdenziale e fiscale. Di seguito sono analizzate, in sintesi, le principali novità per i lavoratori dipendenti.

recent post News

1 GENNAIO 2024, ASSEGNO DI INCLUSIONE

L' assegno di inclusione è una misura a sostegno economico e di inclusione sociale e professionale, riconosciuta ai soggetti che ne hanno diritto a partire dal 1° gennaio 2024

Comunicati Stampa