LAVORATORI PRECOCI: DOMANDA DI PENSIONAMENTO ENTRO IL 30 NOVEMBRE

I lavoratori precoci che maturano i requisiti entro la fine di quest’anno, devono presentare domanda di pensionamento entro e non oltre il 30 Novembre

CHI SONO I LAVORATORI PRECOCI 

Questo canale di pensionamento è attivabile, a domanda, da parte dei lavoratori con almeno 1 anno di lavoro effettivo prima dei 19 anni di età e che si trovano in determinate condizioni, di seguito elencate.

(1) Disoccupati senza ammortizzatori sociali. Si tratta di coloro che si trovino in stato di disoccupazione a seguito di cessazione del rapporto di lavoro per licenziamento e conclusione integrale della Naspi da almeno 3 mesi.

(2) Lavoratori con invalidità superiore al 74%, accertata dalle competenti commissioni mediche per il riconoscimento dell’invalidità civile.

(3) Caregivers, vale a dire coloro che assistono, al momento della richiesta, da almeno 6 mesi, il coniuge o un parente di primo grado convivente con handicap in situazione di gravità.

(4) Ulteriore categoria è rappresentata dai lavoratori dediti ad attività usuranti e/o particolarmente gravose. 

REQUISITO CONTRIBUTIVO

Il requisito contributivo per l’accesso al pensionamento anticipato (indipendentemente dall’età anagrafica) è pari a 41 anni di contributi versati.

RECENTI

recent post News

Bonus asilo nido: info e requisiti per il 2023

Fino al 31 dicembre 2023 è possibile richiedere all’INPS il rimborso dei costi sostenuti per le rette degli asili nido o per l’assistenza domiciliare fino a un massimo di 3.000 euro.

recent post News

Pensionamento con “Quota 103”: requisiti, condizioni e domande.

La Legge di Bilancio 2023 ha introdotto una nuova forma di pensionamento anticipata, denominata cd. “Quota 103”. L’INPS, con il messaggio n. 754, ha comunicato che è già possibile presentare istanza di accesso.

recent post News

Licenziamenti, da oggi cambiano le regole per il ricorso al giudice del lavoro

La riforma del processo civile abroga espressamente il rito Fornero e la sua doppia fase in primo grado, sostituendolo con un nuovo tipo di procedimento, tendenzialmente più snello e veloce, introdotto con la riforma del processo civile.

Comunicati Stampa